Il Patriziato

Il Patriziato è un Ente pubblico che si occupa della gestione del territorio e degli stabili di sua proprietà ed è stato costituito nel 1845.

Il Patriziato generale di Olivone, Campo e Largario è proprietario di 82 km2 di territorio, in una fascia compresa tra i 900 e i 3000 msm che si estendono dalla conca di Olivone fino al confine cantonale dei Grigioni (Valico del Lucomagno).

La proprietà è costituita in  buona parte da pascoli (41%), da bosco (34%), rocce e detriti (24%) e solo l’1% da stabili e fabbricati.

Diritti e doveri del Patriziato sono regolati dalla Legge Organica patriziale (LOP) del 1992: “Il Patriziato è una corporazione di diritto pubblico, autonoma nei limiti stabiliti dalla Costituzione e dalle leggi, proprietaria di beni d’uso comune da conservare e utilizzare con spirito viciniale a favore della comunità” e “Il Patriziato ha il compito di organizzare il buon governo dei beni patriziali, di garantire l’uso pubblico e valorizzare le tradizioni locali”.

La massima autorità è rappresentata dall’Assemblea patriziale costituita dagli aventi diritto di voto (circa 680) e rappresenta l’organo legislativo i cui compiti sono determinati dalla LOP .

L’Assemblea patriziale elegge l’Ufficio Patriziale composto da cinque membri, autorità esecutiva, che tutela l’interesse dell’Ente, sbriga gli affari correnti e rende conto all’Assemblea.

Composizione Ufficio Patriziale
Nello Bruni Presidente
Solari Fabrizio Vicepresidente
Giroldelli Suanito
Solari Nicola
Vanbianchi Denis

Chiapuzzi Gianna Segretaria

Commissione della Gestione
Martinali Bartolomeo Presidente
Bianchi Diego
Monighetti Marcello
Sangalli Graziano
Vanbianchi Roger

Presidente assemblea Patriziale 2014
Barbara De Leoni Odis